“Illuminati dalla vera conoscenza, gli uomini saggi vedono con occhio uguale il brahmana nobile ed erudito, la mucca, l’elefante, il cane e il mangiatore di cani [l’intoccabile]”

Bhagavad Gita 5.18

Sono rimasto ispirato da questo video della BBC, che  voglio condividere con voi  sul blog, un’occasione per riflettere sulla nostra vera natura, la nostra natura spirituale, che si esprime nella creatività, diversità è unicità di ciascuno noi e di ogni cosa che ci circonda.

La liberazione “mukti”, inizia accettando le nostre differenze e quelle degli altri. La diversità è bellezza, creatività, intimità con  Dio, dove risiede l’amore assoluto per ogni cosa.

Crescere significa capire che siamo tutti dei “jiva atma”, delle anime individuali che crescono come le fronde di un albero verso la luce di Jaganattha, il Signore dell’Universo.

Accettare le differenze, significa elevarsi e condividere al meglio questo nostro pianeta.
Gli antichi testi Vedici dicono che è proprio nella diversità il segreto della bellezza che risiede in ognuno di noi. Non ci potrebbe essere evoluzione se tutto fosse sempre uguale e stazionario.  Avere paura della differenza, ci fa perdere nel buio dell’ignoranza “avidya” , accettarla ci fa crescere nella luce della conoscenza “vidya”.

Conoscere e vivere le nostre diversità ci porta a comprendere meglio la nostra natura interiore, quella degli altri e quella del Divino, che dimora indistintamente in ognuno di noi.

Negare questa evidenza e voler vivere nell’uniformità a tutti i costi è contro la natura stessa dell’universo e porta all’annichilimento e alla tenebra spirituale.
Filosofie e culture che negano questo, vivono nella notte dell’anima e tendono a ritenere di essere le sole nel giusto da qui nasce il razzismo che è la paura del diverso, da qui nasce il falso ego che porta a guerre e dittature, come la storia ci ha insegnato.

L’anima spirituale, situata nella retta coscienza, sa che ogni creatura è una fiammella del Paramatma (Anima Suprema) e non farà più distinzione di casta, razza o sesso.

Distruggendo i vincoli che ci separano dall’altro, scoprendo la ricchezza della diversità, separando la verità del falso ego e accettando la diversità di ognuno e di ogni cosa, ci addentreremo nella vera conoscenza.

Om Tat Sat