yoga

L’India, dopo essere stata per secoli espropriata della propria conoscenza dall’occidente,  reclama i suoi diritti sullo yoga. Recentemente è stato creato un data base che raccoglie tutte le antiche posture yoga.

Ecco l’articolo apparso sul The Times of India del 6 Febraio 2011.

NEW DELHI: l’India è pronta a dare una spalla fredda allo yoga caldo. Per porre fine ai sedicenti guru che rivendicano il copyright sulle antiche “asana” [posture], come il metodo Bikram Choudhury di Hot Yoga, un set di 26 sequenze che si praticano in una stanza riscaldata. L’India ha completato la documentazione di 1.300  ‘asana’ che presto saranno caricate sulla Traditional Knowledge Digital Library (TKDL), la biblioteca digitale nazionale della conoscenza tradizionale, rendendole di dominio pubblico.

Circa 250 di queste “asana”’, sono state effettuate in video clip con la supervisone di un esperto.

Secondo il Consiglio della Ricerca Scientifica e Industriale (CRSI) ed il dipartimento dell’Unione del Ministero della Salute, di Ayush “una volta che il database sarà on-line, gli uffici dei brevetti in tutto il mondo avranno un punto di riferimento per verificare la validità dei brevetti su particolari “asana” depositati dai guru dello yoga.”

Il dottor VP Gupta del CRSI che ha creato il TKDL a detto al The Times of India “Tutte le 26 sequenze che fanno parte del Hot Yoga sono state scritte migliaia di anni fa, nei libri di yoga indiano. ”

Ha aggiunto: “Nonostante ciò, non è una sfida legale a Choudhury. Rendendo le informazioni di dominio pubblico, la TKDL sarà un punto unico di riferimento per gli uffici dei brevetti in tutto il mondo. Ogni volta, che qualcuno deposita un brevetto sullo yoga, l’ufficio potrà controllare su quale antico testo indiano era già stato menzionato e annullare la domanda.”

Nove noti istituti Indiani di yoga hanno contribuito con la documentazione. “I dati saranno online nei prossimi due mesi. Nel prima fase, abbiamo fatto una video grafica di 250 “asana” – quelle più popolari. Le probabilità di appropriazione indebita con queste asana sono molto alte.  Quindi, se qualcuno vuole insegnare yoga, non avrà bisogno di scontrarsi per problemi concernenti il copyright. Si farà riferimento alla TKDL. Allo stato attuale, nessuno che insegni le 26 posture di Hot Yoga deve pagare la quota franchisee a Choudhury  perché detiene i diritti d’autore su di loro ” ha aggiunto il Dott. Gupta.

La TKDL avrà foto e spiegazione delle posture. Il Dott. Gupta ha detto: “Una voce sovraimposta sottolinearerà quale testo menziona la postura. Le informazioni saranno disponibili in diverse lingue internazionali. Abbiamo esaminato una serie di libri antichi come, la Srimad Bhagwat Gita, la Vyas Bhashya,  la Vijana Yogasava, l’Hatha Praditika, il Gheranda Samhita, la Shiva  Samhita, gli Yoga Sutra di Patanjali e il Sandra satkarma per documentare esattamente tutte le “asana” più note e i riferimenti yoga.”

Fino ad ora, si stima che l’ufficio brevetti solo negli Stati Uniti ha brevettato più di 200 diritti d’autore correlati allo yoga. Gli esperti dicono che in Occidente lo yoga è diventato un mercato da 225 miliardi dollari.

Lo Yoga è una delle discipline preferite  dalle stelle di Hollywood. Madonna, Sarah Jessica Parker, Jennifer Aniston, Cameron Diaz, Gwenyeth Paltrow, Jane Fonda, Tina Turner, e Angelina Jolie.

La TKDL, che ha 30 milioni di pagine di informazioni, è stato creato per impedire che chi risiede all’estero possa chiedere il brevetto per conoscenze  già esistenti.